Tipologie di procedimento

Dlgs 14 marzo 2013, n. 33
articolo 35 commi 1, 2

Obblighi di pubblicazione relativi ai procedimenti amministrativi e ai controlli sulle dichiarazioni sostitutive e l'acquisizione d'ufficio dei dati

1. Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi alle tipologie di procedimento di propria competenza. Per ciascuna tipologia di procedimento sono pubblicate le seguenti informazioni:
a) una breve descrizione del procedimento con indicazione di tutti i riferimenti normativi utili;
b) l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria;
c) l'ufficio del procedimento, unitamente ai recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale, nonchè, ove diverso, l'ufficio competente all'adozione del provvedimento finale, con l'indicazione del nome del responsabile dell'ufficio, unitamente ai rispettivi recapiti telefonici e alla casella di posta elettronica istituzionale;
d) per i procedimenti ad istanza di parte, gli atti e i documenti da allegare all'istanza e la modulistica necessaria, compresi i fac-simile per le autocertificazioni, anche se la produzione a corredo dell'istanza è prevista da norme di legge, regolamenti o atti pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, nonchè gli uffici ai quali rivolgersi per informazioni, gli orari e le modalità di accesso con indicazione degli indirizzi, dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale, a cui presentare le istanze;
e) le modalità con le quali gli interessati possono ottenere le informazioni relative ai procedimenti in corso che li riguardino;
f) il termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l'adozione di un provvedimento espresso e ogni altro termine procedimentale rilevante;
g) i procedimenti per i quali il provvedimento dell'amministrazione può essere sostituito da una dichiarazione dell'interessato, ovvero il procedimento puo' concludersi con il silenzio assenso dell'amministrazione;
h) gli strumenti di tutela, amministrativa e giurisdizionale, riconosciuti dalla legge in favore dell'interessato, nel corso del procedimento e nei confronti del provvedimento finale ovvero nei casi di adozione del provvedimento oltre il termine predeterminato per la sua conclusione e i modi per attivarli;
i) il link di accesso al servizio on line, ove sia già disponibile in rete, o i tempi previsti per la sua attivazione;
l) le modalità per l'effettuazione dei pagamenti eventualmente necessari, con le informazioni di cui all'articolo 36;
m) il nome del soggetto a cui è attribuito, in caso di inerzia, il potere sostitutivo, nonchè le modalità per attivare tale potere, con indicazione dei recapiti telefonici e delle caselle di posta elettronica istituzionale;

2. Le pubbliche amministrazioni non possono richiedere l'uso di moduli e formulari che non siano stati pubblicati; in caso di omessa pubblicazione, i relativi procedimenti possono essere avviati anche in assenza dei suddetti moduli o formulari. L'amministrazione non può  respingere l'istanza adducendo il mancato utilizzo dei moduli o formulari o la mancata produzione di tali atti o documenti, e deve invitare l'istante a integrare la documentazione in un termine congruo. 

Concessione spazi di sosta personalizzati per diversamente abili

Responsabile di procedimento: Proietti Romina
Responsabile di provvedimento: Basili Riccardo

Uffici responsabili

Ufficio Viabilità e Reti

Descrizione

Concessione spazi di sosta personalizzati per diversamente abili

(deliberazione G.C. n. 132 del 29/07/2008)

1. Ai sensi dell'articolo 381 del Regolamento di esecuzione del Codice della Strada, nel caso  in  cui  ricorrano  particolari  condizioni  di  invalidità  della  persona  interessata, il Dirigente  del   IV  Settore  può,  con  propria ordinanza,  assegnare  a  titolo  gratuito un'adeguata area di parcheggio individuata da apposita segnaletica indicante gli estremi del contrassegno invalidi del soggetto autorizzato ad usufruirne.

2.  Può  essere  concessa  l'agevolazione per  una  sola  sosta  di  un  unico  veicolo,  in prossimità  del  numero  civico  del  domicilio  del  disabile,  (un  solo  stallo),  purché  il richiedente non disponga di parcheggio  pertinenziale privato o di altra area di proprietà del nucleo familiare quale idoneo spazio per il ricovero del veicolo nel raggio di mt. 100 dall'abitazione.

3. Sulla tabella relativa all'area di sosta (art.. 381/co. 5 del D.P.R. 16/12 1992, n 495- Figura Il 79/a) dovrà essere riportato solo il numero del " contrassegno invalidi ' al cui servizio è  riservata l'area di parcheggio. Sul parabrezza del veicolo situato nell'area di parcheggio dovrà essere esposto il relativo contrassegno invalidi.

4. Il rilascio di uno stallo personalizzato è comunque consentito solo per le zone ad "alta densità di traffico" come richiesto dal Codice della Strada.

5. Le spese e la realizzazione e/o rinnovo dello stallo, dell'apposita tabella, della delimitazione dell'area di sosta con strisce gialle e dell'apposito simbolo sulla pavimentazione di cui al presente articolo, nonché per la loro rimozione quando dovessero cessare le circostanze dell'assegnazione, sono a carico del Comune, con un contributo forfettario a carico del richiedente da determinarsi con la Delibera di Giunta Comunale.

6. La concessione personalizzata del posto macchina, si aggiunge all'obbligo generale dalla  localizzazione  e   realizzazione di  spazi - sosta  generici  riservati a  disabili nel territorio urbano ai sensi delle disposizioni vigenti.

 

Procedimento per il rilascio del contrassegno e dello stallo personalizzato

 

1.  Per  ottenere  i  benefici  disciplinati dal  presente  Regolamento,  l'interessato  dovrà produrre istanza redatta nelle forme e nei modi stabiliti dall'Amministrazione, all'Ufficio Reti e Mobilità presso il IV Settore, corredata dalla documentazione in esso prevista dalla quale risulti la sussistenza dei requisiti e delle condizioni richieste per l'adozione del provvedimento.

2. L'Ufficio competente provvederà all'attivazione della istruttoria valutando i presupposti per l'ammissibilità della domanda.

3. La durata del procedimento è di norma stabilita in 30 giorni decorrenti dalla presentazione  della  istanza  da  parte  del  richiedente,  completa  di  ogni  documento richiesto.

4. Ove la domanda dell'interessato sia ritenuta irregolare o incompleta, il Responsabile del procedimento ne dà comunicazione all'interessato, indicando le cause della irregolarità o della  incompletezza.  In  questi  casi  il  termine  iniziale  decorre  dal  ricevimento  della domanda regolarizzata o completata.

5. Il procedimento può essere sospeso una volta per richiesta di documentazione integrativa o chiarimenti sulla istanza. in questi casi i termini ricominciano a decorrere dal ricevimento della documentazione integrativa e dei chiarimenti richiesti.

6. L'istruttoria si concluderà con apposito provvedimento del Dirigente competente sia in caso di accoglimento che di diniego dell'istanza.

 

 

Documentazione  per il rilascio di stallo personalizzato

1. La domanda di concessione per lo stallo personalizzato dovrà essere prodotta dall'interessato o da un convivente in caso di impossibilità del richiedente in carta semplice ed indirizzata direttamente al Dirigente del IV Settore ufficio Reti e Mobilità del Comune di Frascati.

 

2. L'istanza dovrà essere corredata dalla seguente documentazione:

a) atto notorio con dichiarazione di non possesso nel raggio di mt. 100 dall'abitazione, di idoneo spazio per il ricovero del mezzo di trasporto, oggetto della richiesta di concessione;

b) fotocopia del contrassegno;

c) fotocopia della patente di guida (nel caso di invalido personalmente abilitato alla guida) d) fotocopia del libretto di circolazione del mezzo in uso al portatore di handicap, per consentire agli organi di vigilanza un immediato controllo e verifica;

e) certificato medico legale attestante che il richiedente presenta una grave infermità agli arti inferiori o altra patologia che impedisce una autonoma deambulazione, con l'indicazione al diritto per il rilascio della concessione di spazi per la sosta personalizzata.

3. La validità della concessione dello stalle personalizzato è  legata alla scadenza del contrassegno e viene confermata nel caso di rinnovo alle condizioni dei primo rilascio.

MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda può essere inviata:

Via posta: al Comune di Frascati – Piazza Marconi 3 – 00044 Frascati (RM)

Via mail: all'indirizzo di posta certificata protocollofrascati@legalmail.it

A mano presso lo Sportello Unico per l’Edilizia: sede dell’Ufficio Tecnico Comunale – Frascati C.so Itala 18

ORARIO APERTURA AL PUBBLICO U.T.C.

Martedi e Venerdi dalle ore 9.00 alle ore 12.00

Giovedi dalle ore 15.00 alle ore 17.30

Chi contattare

Personale da contattare: Lucci Paola

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
30 giorni dalla presentazione presso l'ufficio protocollo della documentazione completa

Costi per l'utenza

NON SI RILEVANO COSTI PER L'UTENZA

Modulistica per il procedimento

Riferimenti normativi

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: non previsti
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza G. Marconi, 3 - 00044 Frascati (RM)
PEC protocollofrascati@legalmail.it
Centralino 06.941841
P. IVA 02145231003
Linee guida di design per i servizi web della PA